Home Biografia Critica Laboratorio Tecnica Opere HipnOptic@rt

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA VITA

horizontal rule

Il 12 Aprile 1959, nasce a Novara  Roberto Sacchi, secondogenito di 4 fratelli, figli di Adriano e Maria Iride, di modeste origini contadine.
La prima infanzia passa felice tra la periferia e la campagna della bassa Novarese
Il padre Adriano, gli infonde la passione per la musica e la lettura.
Nel 1965 la famiglia si trasferisce in centro cittą e la formazione scolastica č vissuta controvoglia.

Plaza de los artistas      Puebla      Mexico

Affine alla natura, all'aria aperta e di carattere irrequieto, Roberto preferisce la scuola della vita  "dove c'č voglia di fare".
All'etą di 12 anni dedica parte del suo tempo libero alla lettura: i libri d'avventura e i testi classici consolideranno l'innata voglia di viaggiare per conoscere nuovi paesi e antiche culture.
Finite le scuole dell'obbligo, comincia a lavorare nel settore turistico-alberghiero, alternando viaggi in Italia e all'estero.

Spinto dall'eccesso e dalla voglia di esplorare il complicato mondo della psiche, conduce una vita " on the road " e nel 1985 lascia il lavoro e parte per il Messico, influenzato dai vari autori latino-americani.
Visita i murali di Rivera, Orozco, Siqueiros, siti archeologici e chiese e qui scopre la magia e la bellezza dei lavori su vetro.

L'incanto per la particolaritą dei luoghi, l'ospitalitą della gente e la cultura delle diverse etnie, lo vedranno tornare nel 1988 con rinnovato spirito.

A Guanajuato conosce Enriqueta che diventa compagna della sua vita e nel 1990 lo segue in Italia ad Arona dove risiedono tuttora.
Sempre alla ricerca di " non so cosa, ma qualche cosa ", inizia a disegnare e dipingere come autodidatta, usando svariate ed efficaci tecniche, dettate dall'istinto e dall'influenza latino-americana.
Il simbolismo delle culture Maya e Azteca dei siti archeologici, lo portano a realizzare alcune opere su vetro con una tecnica personale di tutto rispetto.
Nel 1997 include nella firma delle sue opere, il nome d'arte " El Güero".

Legge vita e opere dei grandi maestri prediligendo Egon Schiele perchč " č viscerale e trasmette forza e potenza d'espressione".
Nel 2000 partecipa a quattro concorsi dove viene ammesso vincendo alcuni premi di rappresentanza e risquotendo pareri favorevoli dal pubblico.
Nell'agosto dello stesso anno partecipa come ospite ad una mostra di pittori Haitiani contemporanei ad Arona.

Jaime  Durįn  Dķaz

horizontal rule